archivio

About OA

Piattaforme per l’Open Access:
modelli,tendenze, problematiche

AIB Sezione Toscana; AIB CNUR

Firenze, 25 marzo 2014, Università degli studi, Sala Comparetti

Facoltà di Lettere e Filosofia – Piazza Brunelleschi, 3/4

I migliori risultati dell’accesso aperto alle pubblicazioni accademiche si potranno ottenere quando queste saranno ospitate in piattaforme che le rendano facilmente identificabili e accessibili. Nella selezione delle piattaforme rivestono un rilievo particolare quelle con dimensione internazionali ed europee, supportate dall’azione congiunta di soggetti provenienti da diverse nazioni e che cercano di realizzare una risorsa web moderna collaborando con i loro utenti nella produzione di contenuti e facilitando la creazione di comunità internazionali legate a specifici progetti.
Le piattaforme per l’Open Access (OA) possono rivestire, inoltre, uno scopo bibliometrico e facilitare la peer review, migliorando la disseminazione ed il feedback sulle pubblicazioni scientifiche.
Il convegno si propone di presentare in Italia il modello OA proposto da Open Edition, una delle piattaforme internazionali OA in via di grande sviluppo, selezionata per la giornata di studio.
Dal momento che l’OA è un argomento strategico per le biblioteche accademiche il convegno rappresenta una logica continuazione e un approfondimento della giornata di riflessione sulle biblioteche accademiche organizzata a settembre 2013 da AIB Toscana e AIB CNUR in collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze.

Programma

h. 10:00 Benvenuto
h. 10:30-11:30 Sessione 1: Open Edition: presentazione
h. 11:30-12:30 Sessione 2: Risultati del test effettuato sulla piattaforma da: Università Cattolica, Università degli Studi di Firenze, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Università degli Studi di Torino, Istituto Universitario Europeo.

Pausa pranzo

h. 14:00-16:00 Tavola rotonda: Roberto delle Donne (Coordinatore), Mauro Guerrini (Università di Firenze), Giovanni Mari (FUP), Michele Casalini (Torrossa), Costantino Thanos (ISTI CNR), J.C. Peyssard (Open Edition), Lorenzo Armando (Accademia University Press), Elena Giglia (Università di Torino)
h. 16:00-17:00 Discussione e Conclusioni a cura di AIB Toscana e AIB CNUR.

URL: http://www.aib.it/struttura/sezioni/2014/40901-piattaforme-per-lopen-access/. Copyright AIB 2014-02-17. A cura di Serena Spinelli, ultima modifica 2014-03-18
Annunci

Da La Stampa.it, TUTTOSCIENZE 20/02/2013

… L’accessibilità dei dati scientifici gioca a favore anche di quella risorsa poco visibile, ma preziosa, rappresentata dai molti professionisti desiderosi di tenersi aggiornati e dai cittadini – più numerosi di quel che si pensi – desiderosi di confrontarsi con ciò che di continuo produce la scienza, italiana e mondiale. Un modo di arricchire il capitale umano dell’Italia e dell’Europa che la Rete rende per la prima volta possibile su così larga scala. …  i risultati della ricerca prodotta con fondi pubblici debbano essere liberamente disponibili online. Una modalità di comunicazione nota come «open access …

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

IN: Open Society

February 14, 2012 | by Melissa Hagemann

How long does it take for an idea to turn into a movement for change? And how long before that movement achieves its goals? Today, the tenth anniversary of the Budapest Open Access Initiative, seems like a good time to ask these questions.

The term “Open Access” (OA), the free online availability of research literature, was first coined at an Open Society sponsored meeting in Budapest in December 2001. The Information Program had supported the distribution of hard copies of scientific journals to universities in Central and Eastern Europe and the former Soviet Union, and was interested in harnessing the power of the internet to more easily put academic research in the hands of those who could benefit.

So we brought together leaders who were exploring alternative publishing models. The group hammered out a declaration that would provide the public with unrestricted, free access to scholarly research—much of which is publicly funded. The declaration, the Budapest Open Access Initiative, urged academics to place their research in institutional archives and it encouraged the creation of new open access journals. The result? Ten years on, troves of scholarly research and information—which had largely been the domain of elite universities and wealthy countries who could afford it—are freely  available to the public.

Today, Open Access is at the forefront of discussions about scholarly communications in the digital age. Open Access  is taught in universities, debated in Parliaments, embraced and opposed by publishers, and most importantly, mandated by over 300 research funders and institutions, including the largest funder of research in the world, the U.S. National Institutes of Health. This rise to prominence is all the more remarkable when considering how ambitious the Budapest Open Access Initiative (BOAI) was, as it sought to change an $8 billion industry.  Few beyond the initial BOAI participants shared the vision that change was possible.

READ MORE

About

Open Access

When a loved one is sick or when people need more information about an area of science for any reason, they increasingly turn to the internet to learn more about the latest research and these days they expect to find it available to them.

We believe that scientific research represents a global treasury of information and that it should be published in an Open Access format, allowing anyone to freely read and re-use that information.

However, Open Access has a wider agenda than simply providing free access to research information – we believe that there is vast untapped potential for data mining and knowledge discovery, which is only possible when the research literature is not constrained behind access barriers.

What does Open Acccess mean? Simply that everything that we publish is freely available online throughout the world, for you to read, download, copy, distribute, and use (with attribution) any way you wish. No permission is required. Read a detaileddefinition. If you haven’t got time to read this, there are two things you need to know:

  1. Authors retain copyright, under a Creative Commons Attribution License.
  2. No permission is required to use – or reuse – the content.

Major funders such as the NIHHHMIWellcome Trust and the MRC want the public to have access to the work that they fund and require that papers be made available to them through PubMed Central (PMC).

This is the notice that PMC runs on their site; we think it sums up the situation pretty clearly.

READ MORE

CC Creative Commons 

The Power of  Open

The world has experienced an explosion of openness. From individual artists opening their creations for input from others, to governments requiring publicly funded works be available to the public, both the spirit and practice of sharing is gaining momentum and producing results.

Creative Commons began providing licenses for the open sharing of content only a decade ago. Now more than 400 million CC-licensed works are available on the Internet, from music and photos, to research findings and entire college courses. Creative Commons created the legal and technical infrastructure that allows effective sharing of knowledge, art and data by individuals, organizations and governments. More importantly, millions of creators took advantage of that infrastructure to share work that enriches the global commons for all humanity.

The Power of Open collects the stories of those creators. Some are like ProPublica, a Pulitzer Prize-winning investigative news organization that uses CC while partnering with the world’s largest media companies. Others like nomadic filmmaker Vincent Moon use CC licensing as an essential element of a lifestyle of openness in pursuit of creativity. The breadth of uses is as great as the creativity of the individuals and organizations choosing to open their content, art and ideas to the rest of the world.

READ MORE

“Il libro, in quanto libro, appartiene all’autore, ma in quanto pensiero appartiene – senza voler esagerare – al genere umano. Tutti gli intelletti ne hanno diritto. Se uno dei due diritti, quello dello scrittore e quello dello spirito umano, dovesse essere sacrificato, sarebbe certo quello dello scrittore, dal momento che la nostra unica preoccupazione è l’interesse pubblico e tutti, lo dichiaro, vengono prima di noi”. (Victor Hugo, Discorso d’apertura al Congresso letterario internazionale del 1878, 1878)

“I nostri mercati, la nostra democrazia, la nostra scienza, le tradizioni della libertà di parola, e l’arte, tutto dipende in maniera cruciale da un pubblico dominio di materiale liberamente accessibile molto più di quanto non lo sia dal materiale informativo coperto da diritti di proprietà. Il pubblico dominio non è quanto rimane dopo che tutte le cose migliori siano state coperte dalle norme sulla proprietà. Il pubblico dominio è l’ambito da cui estraiamo i mattoni con cui costruire la nostra cultura. Rappresenta, di fatto, la maggior parte della nostra cultura.” (James BoyleThe Public Domain, p.40f, 2008)

Preambolo del Manifesto del Pubblico Dominio promosso dal Politecnico di Torino nell’ambito di Communia, la rete telematica europea sul pubblico dominio. Communia ha promosso anche il Public Domain Day (il primo gennaio di ogni anno) per sostenere il ruolo del pubblico dominio nella nostra società.


News from the open access movement

Peter Suber, Editor
Guerilla Open Access Manifesto, unsigned but apparently by Aaron Swartz, July 2008.

…The Open Access Movement has fought valiantly to ensure that scientists do not sign their copyrights away but instead ensure their work is published on the Internet, under terms that allow anyone to access it. But even under the best scenarios, their work will only apply to things published in the future. Everything up until now will have been lost. …. MORE

… Il movimento Open Access si è dato molto da fare per garantire che gli scienziati pubblichino su Internet i loro lavori, con libero accesso a chiunque. Ma anche nel migliore degli scenari, il loro lavoro si applicherà solo alle cose pubblicate in futuro. Tutto ciò che fino ad oggi è stato pubblicato è andato perduto.

Questo è un prezzo troppo alto da pagare. Costringere gli accademici a pagare per leggere il lavoro dei loro colleghi? Digitalizzare intere biblioteche, ma impedendo alla gente di leggere i libri su Google? Fornire articoli scientifici alle università d’élite nel Primo Mondo, ma non ai bambini nel Sud del mondo? E’ vergognoso e inaccettabile.

“Sono d’accordo,” molti dicono: “ma cosa possiamo fare? Gli editori detengono i diritti d’autore, guadagnano  facendo pagare a caro prezzo l’accesso, ed è tutto perfettamente legale – non c’è niente che possiamo fare per fermarli ” Ma c’è qualcosa che possiamo fare, qualcosa che è già stato fatto: siamo in grado di combattere…

Coloro che hanno accesso a tali risorse – gli studenti, i bibliotecari, gli scienziati – sono privilegiati.  Sono in grado di banchettare a questo banchetto di conoscenza, mentre il resto del mondo è bloccato. Ma non c’è bisogno – anzi, moralmente, non si può – mantenere questo privilegio. Si ha il dovere di condividere la conoscenza con il mondo: scambio di password con i colleghi, download per gli amici. …. [segue]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: