La scelta del CERN

CERN, l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare che ospita il Large Hadron Collider e luogo di nascita del web, ha reso liberamente disponibili i dati bibliografici del suo catalogo, tramite CC0, “nessun diritto riservato” in licenza Creative Commons, che significa rendere di pubblico dominio il proprio lavoro. Questa non è la prima volta che il CERN ha utilizzato strumenti Creative Commons (CC) per rendere pubblicamente disponibili le proprie risorse; all’inizio di quest’anno, il CERN ha pubblicato con licenze CC i primi risultati degli esperimenti del Large Hadron Collider.

Jens Vigen, direttrice della CERN Library, afferma:
“I libri devono essere catalogati una volta. Attualmente le finanze pubbliche pagano per avere lo stesso libro catalogato più e più volte. I bibliotecari dovrebbero agire come predicano: un set di dati creati grazie ad un finanziamento pubblico devono essere resi liberamente disponibili a tutti coloro che vogliono riutilizzarli. L’Open Access è naturale per noi, qui al CERN noi crediamo nell’apertura e nel riutilizzo … Facendo sì che le biblioteche accademiche in tutto il mondo siano coinvolte in questo movimento, si arriverà ad un ambiente naturale di condivisione e di riutilizzo dei dati bibliografici…”.

Leggi tutto: http://creativecommons.org/weblog/entry/25519
e guarda: CERN Library bookdata http://www.youtube.com/watch?v=-CSmieTXbsk

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: